Miele grezzo biologico: come scegliere il migliore miele artigianale italiano

283 Condivisioni

Il miele grezzo biologico è il migliore miele per la tua salute. Si differenzia da quello convenzionale ma anche dal biologico industriale. Riscopriamo l’alimento naturale che ci viene donato dalla natura e dalle api: prodotto magnificamente da alcuni piccoli apicoltori “artigiani” italiani secondo antichi metodi di produzione, il “vero miele” di una volta.

Miele grezzo biologico: proprietà e benefici del miele artigianale italiano

Il miele è un prodotto “naturale” 100% ?

Molte persone considerano qualsiasi tipo di miele come un alimento “naturale” e quindi sempre salutare. Questo però non è del tutto vero.

Purtroppo oggi la maggior quantità del miele che viene consumato nel mondo non è più come quello che mangiavano i nostri nonni. E’ raccolto in ambienti molto inquinati, subisce spesso processi di raffinazione, anche attraverso l’utilizzo di sostanze chimiche, che ne hanno ridotto o eliminato del tutto le proprietà benefiche.

Il miele artigianale come quello di una volta è biologico

Migliaia di anni fa, l’uomo utilizzava il Miele sia come cibo ma anche in Medicina per le sue molteplici proprietà benefiche. Si può affermare che, prima della rivoluzione industriale e dell’arrivo dell’agricoltura intensiva, tutto il miele fosse artigianale e biologico. Come del resto anche l’agricoltura si svolgeva senza l’impiego di sostanze chimiche e OGM.

In Italia esistono ancora piccoli apicoltori artigiani che hanno scelto di produrre il miele secondo antichi metodi che rispettano sia il consumatore che le api stesse – è il metodo dell’apicoltura biologica. Ed è questo il più antico dolcificante che l’umanità conosca: di un dolce profumato, senza sostanze chimiche, pesticidi e senza l’aggiunta di ingredienti artificiali.

Il miele artigianale biologico  “made in Italy” è un’eccellenza apprezzata in tutto il mondo e ultimamente anche in Italia sta riscontrando un interesse crescente.

Ecco i 6 motivi per preferirlo agli altri tipi di miele:

1. Miele grezzo come riconoscerlo?

E’ bene ricordare che in passato per differenziare una varietà di miele con caratteristiche qualitative superiori a quelle previste per legge, nel disciplinare italiano era stato introdotto, nel 1982, il termine di miele vergine integrale. Dal 1999, questa dicitura è stata soppressa per incompatibilità con la normativa comunitaria, a cui l’Italia ha dovuto conformarsi.

Microfiltrazione

Nel miele si trovano indicatori dell’inquinamento delle zone dove viene raccolto, per questo può contenere pesticidi e tossine e risultare altamente contaminato.

Le industrie adoperano la microfiltrazione per eliminare questi inquinanti che renderebbero il prodotto illegale. Anche se la legge UE permette questo processo, i prodotti così ottenuti sono privi di polline. Questo dovrebbe conferire informazioni sull’origine del miele e apportare fito-nutrienti vitali da cui derivano molte proprietà benefiche del miele.

Miele pastorizzato

Tutti i mieli subiscono nel tempo un naturale processo di cristallizzazione, gli unici che mantengono lo stato liquido più a lungo sono acaciacastagno e alcune melate.

Il miele industriale è spesso pastorizzato, cioè sottoposto a trattamenti termici ad alte temperature. Si ottiene così un prodotto omogeneo e liquido, spesso preferito dal consumatore proprio per queste sue caratteristiche. A causa del processo di pastorizzazione vengono però distrutti oppure denaturati i più importanti componenti del miele: enzimi, vitamine e minerali.

Se il miele che consumate solitamente rimane liquido anche 4-5 mesi dopo il raccolto e conserva lo stesso colore brillante, allora probabilmente è stato riscaldato fino a circa 80 °C, attraverso un processo di pastorizzazione e raffinazione.

Miele NON pastorizzato

Miele grezzo - come riconoscerlo

Molti mieli dichiarano in etichetta “miele non pastorizzato”,  ma questo non esclude un riscaldamento (anche intorno ai 50-60°C) che può essere adoperato dagli apicoltori e aziende per renderlo comunque più liquido e per facilitare le operazioni di invasettamento.

Nel miele riscaldato oltre 35°C vengono distrutti tutti gli enzimi benefici e il miele perde grande parte delle proprietà.

Quindi è importante scegliere mieli artigianali che riportano in etichetta la dicitura “miele non sottoposto ad alcun trattamento termico” e comunque almeno non riscaldati oltre i 35°C.

Questo è il vero miele grezzo.

3. Il miele biologico contiene meno inquinanti tossici

Ambiente. Il regolamento dell’apicoltura biologica è molto restrittivo per quanto riguarda le piante che possono essere bottinate dalle api: fioriture biologiche oppure spontanee che devono essere distanti almeno 3 km da ogni fonte di inquinamento (autostrade, centri urbani, ed industriali, discariche, etc).

Per salvaguardare le loro api alcuni apicoltori biologici posizionano i loro alveari in Riserve e Parchi Naturali rimasti ancora incontaminati, in zone collinare oppure in alta quota.

Miele grezzo biologico: per sostenere gli apicoltori artigianali italiani

Terapie dell’alveare. L’inquinamento ambientale e tutti i fattori di stress a cui sono sottoposte le api, le rendono più vulnerabile agli attacchi di agenti patogeni (batteri, virus, parassiti). Quindi, per contrastare le malattie, nell’apicoltura convenzionale le api vengono trattate con medicinali tradizionali di sintesi. Per gli allevamenti di api extra UE sono permesse anche terapie antibiotiche, come succede in tutti i settori di zootecnia convenzionale – allevamenti di bovini, suini, polli.

A differenza del metodo convenzionale, i produttori che praticano l’apicoltura biologica evitano l’utilizzo di sostanze chimiche nel trattamento sanitario delle api adottando metodi sostenibili come rimedi naturali e omeopatici.

3. Il miele biologico può essere pastorizzato?

Ultimamente molte persone si orientano verso i prodotti biologici, considerati una scelta più salutare rispetto a quelli convenzionali.

E’ però importante sapere che la semplice dicitura miele biologico non garantisce che il miele sia grezzo, ossia Non pastorizzato oppure Non riscaldato ad alta temperatura.

4. Solo il miele grezzo biologico è l’amico dell’intestino

Studi scientifici dimostrano che gli antibiotici, ma anche i pesticidi possono squilibrare la flora batterica intestinale (ISS -Ferrini) con conseguenze negative sulla salute, quindi è sempre meglio preferire un miele, pappa reale oppure propoli privi di queste sostanze.

A norma di legge il miele certificato biologico NON può contenere tracce di antibiotici sintetici (come tetracicline, streptomicina, sulfamidici, etc.), oppure sostanze di sintesi acaricidi utilizzate nell’apicoltura convenzionale.

La nutrizione delle api con sciroppi di zucchero nel periodo invernale (ottobre-marzo) è una pratica comune in apicoltura convenzionale.

The Honeyland ha selezionato solo mieli da produzioni biologiche dove le api devono avere come scorte solo miele e polline biologico, prodotto da loro stesse. Anche se questo significa produzione di miele minore per l’apicoltore, ci sono notevoli benefici sulla salute della colonia e anche sulle proprietà del miele che si produce.

In alcuni mieli grezzi biologici sono state scoperte importanti quantità di probiotici, benefici per l’intestino.

Miele grezzo biologico dove trovarlo

5. Il migliore Miele: grezzo, biologico, fresco

Con il passare del tempo la quantità di polifenoli contenuta nel miele tende a diminuire, quindi anche il sapore e profumo.
La freschezza
 del miele è un parametro importante che garantisce un contenuto maggiore di antiossidanti, enzimi, aminoacidi, vitamine e minerali naturali da cui derivano i benefici del miele come alimento.
Nei mieli industriali, pastorizzati oppure riscaldati queste sostanze sono presenti in piccolissime quantità oppure completamente assenti.

Etichetta del miele. Per legge c’è l’obbligo di indicare la data di produzione, cioè il momento dell’invasettamento.

I migliori mieli biologici artigianali si producono in quantità limitata e si esauriscono in fretta, non arrivano ad “invecchiare”. Per il massimo di benefici l’ideale è consumare miele fresco, entro un anno dalla raccolta.

Miele grezzo biologico artigianale di castagno

6. Il miele biologico artigianale per salvare le api

Miele grezzo dove si compra. Acquistare miele grezzo biologico dai piccoli apicoltori fa bene alla tua salute, ma anche al mondo delle api, oggi in grande pericolo. In questo modo sostieni coloro che si impegnano a salvaguardare le api e le allevano in maniera sostenibile:

  • facendole vivere in zone incontaminate prive di neonicotinoidi ed erbicidi utilizzati nell’agricoltura intensiva
  • utilizzando SOLO rimedi naturali per la salute dell’alveare (senza antiparassitari chimici)

I mieli biologici artigianali selezionati da The Honeyland provengono solo da apicoltori individuali o piccole cooperative di apicoltori e questo conferisce una ricchezza di profumi e sapori che li differenzia maggiormente dal miele biologico industriale.

 

 


Quanto ti è stato utile questo articolo?

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (41 votes, average: 4,54 out of 5)
Loading...

Vedi anche:

Colazione sana con il miele biologico artigianale

283 Condivisioni

COMMENTS

WORDPRESS: 1
  • comment-avatar
    Franco 1 anno ago

    Come è possibile riconoscere il miele biologico atrigianale da quello industriale , e che variazione a il miele pastorizzato è quello non , nei vasetti?

  • 283 Condivisioni
    Condividi280
    Pin3
    Tweet