HomePesticidi

Il glifosato altera il microbioma intestinale anche a basse dosi – studio italiano

Data di Pubblicazione: Febbraio 22, 2022


Nuovo studio effettuato dall’Istituto Ramazzini di Bologna dimostra che l’erbicida minaccia la diversità della flora batterica intestinale con possibili conseguenze sulla salute.

Glifosato altera microbioma intestinale

Glifosato, erbicida al centro di forti discussioni

Il glifosato è l’erbicida più comune, utilizzato su vasta scala in tutto il mondo. Viene usato su oltre 100 colture, tra cui soia, mais, barbabietola, cotone e altre coltivazioni, ma anche in ambienti urbani per mantenere strade e ferrovie libere da erbacce infestanti.

E’ il prodotto fitosanitario più utilizzato e diffuso al mondo con 718.600 tonnellate nel 2012 secondo  Transparency Market Research, di cui  1.795 tonnellate solo in Italia, pari a 6 kg per ettaro di superficie agricola utilizzata.
Risulta tra i prodotti maggiormente rinvenuti nelle acque italiane quando è stato cercato insieme al suo metabolita acido aminometilfosfonico (AMPA) la cui emivita nel terreno è tra 76 e 958 giorni.

Glifosato: perché il suo uso preoccupa?

E’ stato dichiarato sicuro per l’uomo e in generale per i mammiferi, data la mancanza in questi organismi del suo target d’azione, un particolare enzima (EPSPS).

Dal 2015, quando è stato classificato dalla IARC (Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) nella lista delle sostanze “probabilmente cancerogene per l’uomo” – categoria 2A, intorno al glifosato si è aperta un’accesa battaglia anche mediatica.

Microbioma: metà dei batteri intestinali umani sono sensibili al Glifosato

A quanto sembra però, il glifosato è altamente efficace non solo contro le erbacce, ma anche contro i nostri microrganismi commensali. Dal recente studio degli scienziati dell’Università di Turku (Finlandia) pubblicato nel 2021 sulla rivista Journal of Hazardous Materials  risulta che il 54% del microbiota umano ne è risultato infatti sensibile.

Secondo Motta et al. (2018), il glifosato sembrerebbe infatti alterare la composizione del microbiota intestinale delle api.

Glifosato altera il Microbioma intestinale

Lo studio sperimentale condotto dall’Istituto Ramazzini di Bologna sugli effetti del glifosato e dei suoi formulati conferma la capacità del pesticida di alterare il microbioma intestinale anche a basse dosi.

La ricerca è stata effettuata all’interno del Global Glyphosate Study, uno studio multicentrico internazionale condotto dallo stesso istituto insieme a partner globali e lanciato con l’obiettivo di fornire una valutazione più completa degli effetti tossici, cancerogeni e riproduttivi dei diserbanti a base di glifosato.

I pesticidi a base di glifosato riducono la diversità batterica dell’intestino con conseguenze sulla salute

L’esperimento ha testato il glifosato e due formulati commerciali, quello europeo Roundup BioFlow e quello americano RangerPro, su alcune cavie utilizzando diverse dosi a partire da quelle attualmente ammessa in Europa (EU ADI, 0,5 mg/Kg/die).

Per la prima volta, i risultati hanno mostrato che i pesticidi a base di glifosato hanno alterato significativamente il microbioma intestinale, in particolare riducendo la diversità batterica, una condizione associata a diverse conseguenze negative per la salute quali diabete e alterazioni metaboliche collegate ad una serie di malattie, quali ad esempio la sclerosi multipla.

Seguici su Telegram Instagram Facebook

 

 

Per approfondire:

COMMENTS

WORDPRESS: 0
Share
Pin
Share
Tweet