Pappa reale bambini benefici & Controindicazioni. Utilizzo sicuro

Data di Pubblicazione: Febbraio 5, 2019


Grazie alle sue proprietà nutritive, la Pappa reale fresca può avere molti benefici per i bambini. Infatti è un ingrediente frequente in molti integratori specifici. Ecco una guida per scegliere meglio ed evitare effetti collaterali.

Pappa reale bambini: benefici e consigli per l'utilizzo sicuro

Pappa reale per la crescita dei bambini

Oggi l’utilizzo della pappa reale in età pediatrica è molto diffuso, ma i primi studi clinici sui bambini sono stati realizzati negli anni ’50. Questi hanno mostrato che in alcune condizioni la Pappa reale potrebbe essere un ottimo alimento funzionale per i bambini, soprattutto per quelli con carenze nutritive.

Di seguito tutti i dettagli e gli studi che nel nostro blog sono riportati per la prima volta in Italia in gennaio 2019.

1. Pappa reale 1 anno – bambini neonati

Bambini nati prematuri. Negli ultimi 20 anni le nascite di bambini prematuri sono in aumento. In molti casi il ricovero del neonato in terapia intensiva è prolungato proprio per monitorare lo sviluppo dei bambini sottopeso. Studi mostrano che aggiungere pappa reale alla loro alimentazione produce risultati molto positivi.

Nella pappa reale fresca sono stati individuati componenti preziosi presenti nel latte materno, come i grassi DHA della serie omega 3. Questi sono invece assenti in quello vaccino e nei suoi derivati, così come negli oli vegetali, importanti per lo sviluppo cerebrale e della retina. Per questo molte formule di latte in polvere e integratori per bambini vengono arricchite con DHA – nella maggior dei casi parte sintetico.

Una ricerca presentata al Congresso Apimondia del 1997, tenutosi a Bucarest, ha riguardato un esperimento dove ai bambini nati prematuri fu somministrata pappa reale fresca in dosi di 1 grammo/giorno per 5 giorni. I neonati hanno avuto una crescita di peso maggiore e una concentrazione di glucosio nel sangue nei limiti rispetto al gruppo di controllo.[1]

Risultati positivi per quanto riguarda la crescita sono stati ottenuti anche da ricercatori dell’Università di Firenze, pubblicati sulla rivista Rivista di clinica pediatrica. Avevano somministrato la pappa reale fresca a 8 bambini nati prematuri, con età da 14 a 37 giorni, tra cui anche a 2 di soli 3 giorni. [2]

Gli autori hanno ipotizzato che la pappa reale fresca possa aver causato la crescita dell’appetito, quindi una migliore assimilazione degli alimenti.

Per i bambini neonati è comunque sempre consigliabile stabilire le quantità di pappa reale da assumere insieme con il pediatra di fiducia.

2. Bambini 2-3 anni

Pappa reale può essere un valido alleato per i genitori che cercano di aumentare l’appetito dei bambini che mangiano poco e quindi non crescono nella norma.

Importanti risultati ottenuti dai ricercatori italiani nello studio su 34 bambini di età massima 2 anni. Anche se molti bambini erano malati e malnutriti, tutti sono cresciuti di peso, inoltre il loro sistema immunitario si era rafforzato e il numero di cellule rosse era aumentato. [2]

Sono stati riportati risultati rimarcabili anche dai ricercatori russi che avevano utilizzato la pappa reale per contrastare l’ipertrofia muscolare e la mancanza di appetito nei bambini di età compresa tra i 4 mesi e i 3 anni.[3]

3. Pappa reale fresca oppure liofilizzata?

Pappa reale per bambini quale comprare? La crescita e lo sviluppo sano del bambino vengono favorite da alcune sostanze nutritive uniche che si trovano solo nella pappa reale di qualità:

  • Royal Jelly Protein – RJP (proteine nobili),
  • Aminoacidi essenziali tra cui “istidina” e “lisina”.
  • 10-HDA (acido 10-idrossidecenoico),
  • Vitamine del gruppo B
  • Minerali essenziali organici (tra cui ferro, rame e manganese, zinco).

La qualità della pappa reale può variare notevolmente da metodi produttivi, nutrizione delle api, condizioni ambientali e conservazione.

Per molto tempo si era pensato che la pappa reale liofilizzata avesse le stesse proprietà di quella fresca. Invece molti degli ingredienti funzionali della pappa reale sono altamente deperibili con il passare del tempo.

Recenti studi hanno rilevato che già dopo il primo anno di conservazione a temperatura ambiente, la presenza di alcune proteine essenziali della pappa può essere del tutto irrisoria, mentre il 10-DHA diminuisce notevolmente nella forma liofilizzata.[4]

Anche nella pratica clinica è emerso che i benefici non sono uguali con tutte le preparazioni. Uno studio comparativo che ha coinvolto bambini piccoli con carenze nutrizionali e alimentati con preparazioni diverse di pappa reale (fresca, liofilizzata, in miele) ha concluso che i migliori risultati sono stati ottenuti con la pappa reale fresca[5]

Per questi motivi la pappa reale fresca è migliore.

4. Sviluppo bambini e intelletto

Pappa reale può favorire lo sviluppo sano del bambino grazie alla presenza di componenti ad azione stimolante sul sistema ormonale, anche se non contiene l’ormone della crescita come erroneamente pubblicizzano alcuni siti. Tra queste le preziose proteine RJP e amminoacidi essenziali ad alto valore biologico.

In presenza dell’acido 10-DHA e dell’Acetilcolina, neurotrasmettitore utile per il sistema nervoso, la pappa reale fresca potrebbe migliorare le prestazioni intellettuali dei bambini.

5. Allergie dalla Pappa Reale nei bambini

Nella letteratura scientifica sono stati riportati vari episodi di allergie sopratutto nell’est Asia (Cina, Hong Kong).

Alcune di queste allergie erano leggere (dermatite di contatto, gonfiore, mal di pancia) fino a tosse e starnuti, lacrimazione degli occhi. Invece in alcune situazioni possono risultare reazioni allergiche severe come nel caso di asma, anafilassi.

Molti di questi effetti secondari possono essere dovuti alla contaminazione con antibiotici tossici oppure inquinanti vari che si possono trovare nella pappa reale. Da ricordare che la pappa reale in commercio in Italia e in Europa arriva in proporzione del 95% dalla Cina (anche quella biologica).

Ci posso essere controindicazioni anche per bambini con allergie testate ai prodotti dell’alveare. Invece quelli con patologie asmatiche devono consultare il loro professionista di fiducia prima di consumare pappa reale.

6. Pappa reale biologica per bambini

Per evitare contaminazioni pericolose, preferire la pappa reale biologica prodotta in Europa.

A differenza degli integratori comuni, quelli biologici hanno l’obbligo di specificare sulle etichette se le materie prime provengono dall’Europa oppure no. Quindi deve essere indicato sempre “Biologico UE” oppure “Biologico NON UE”. Se questo dato manca in etichetta, chiedere chiarimenti al produttore.

In commercio la maggior parte degli integratori pappa reale biologici contengono materie prime cinesi che hanno altre normative rispetto a quelle in vigore in Italia.

Una delle migliori sul mercato è la pappa reale fresca biologica di filiera corta italiana e certificata COPAIT.

7. Come utilizzare Pappa reale per bambini

Ai bambini piccoli la pappa reale pura può essere aggiunta in acqua oppure oppure nelle tisane a temperatura ambiente. Oltre 1 anno di età anche con una punta di miele grezzo.

Per i più grandicelli anche nello yogurt.

Per preservare le sue proprietà non aggiungere la pappa reale nelle ricette al forno oppure in abbinamento con alimenti troppo bollenti. Come anche nel caso del miele grezzo, il calore distrugge i suoi preziosi nutrienti.

Quindi le merendine con miele oppure pappa reale non apportano nessun beneficio per la salute del bambino, bensì carboidrati raffinati che sarebbero da evitare per proteggere la sua immunità intestinale.

Riferimenti:
  1. MAHMOUD, S A; EL-BANBY, A M; EL-SHAKANKIRY, H M; ABDEL-HAMID, K M; HASSABEL-NABY, M A (1997) Effect of diet supplementation with honey or royal jelly on preterms. Wirkung einer zusätzlichen Ernährung mit Honig oder Weiselfuttersaft bei Frühgeborenen Der XXXV. Internationale Bienenzüchterkongress der Apimondia Antwerpen, Apimondia-Verlag; Bukarest, Rumänien; pp 432.
  2. Prosperi, P., and F. Ragazzini. “Clinical use of royal jelly in paediatrics.” Rivista di clinica pediatrica 58 (1956): 319-332.
  3. FATEEVA , E M; ROSHAL, L (1962) [Use of the preparation bee milk in children with chronic disorders of nutrition]. Pediatriia. 41: 15-19.
  4. Antinelli, Jean-François, et al. “Evaluation of (E)-10-hydroxydec-2-enoic acid as a freshness parameter for royal jelly.” Food chemistry 80.1 (2003): 85-89.
  5. MAGDALENA, M (2010) Effect of royal jelly on breast infant with distrophy and maldevelopment, In Apimondia (ed.) 20th Apimondia International Beekeeping Congress in Bukarest, Romania: pp 583-585.

Pubblicato il: 22 Gen, 2019

 

 


Per approfondire: Integratori per difese immunitarie? 3 migliori immunostimolanti naturali

COMMENTS

WORDPRESS: 0
275 Condivisioni
Condividi274
Pin1
Tweet
WhatsApp